logo i buoni cugini.jpeg
senzatarì.jpeg

Albatro Randagio

La collana Albatro Randagio accoglie i romanzi collocati in quel lasso temporale della vita che vorresti non passasse mai...

la primavera della strummula.jpeg
negare il bene per sito.jpeg
la notte dei pesci volanti

Filippo La Torre:

La primavera della strummula.

Romanzo

Giovanni Villino:

Negare il bene. Romanzo

 

Antonio Petrucci:

La notte dei pesci volanti

Storie di Romagnolo. Racconti

Ti accolgo in uno spazio e in un tempo dove la realtà si dissolve e prende forma il pensiero. Incontrerai intrighi e misteri. Come in un gioco di ombre e di luci, qui nulla è mai come appare. Ogni verità è conservata, ogni segreto mai svelato. L'ispirazione è la bussola che deve guidarti quando farai i conti con la  nebbia dell'incertezza. Siamo in un mondo dove il confine tra il bene e il male è labile, dove il margine tra l'ombra e l'oscurità è appena percettibile…

 

Sullo sfondo del Golfo di Palermo (e di uno “storico” stabilimento balneare) si snodano gli otto episodi che costituiscono questa storia. 

Protagonisti principali due adolescenti…

Sono i miei ricordi di bambino vissuto in un collegio per orfani o disadattati che s'innestano nelle condizioni di vita degli anni '50, in un piccolo agglomerato di case della periferia di Palermo abitate prevalentemente da braccianti agricoli, quasi un guscio: il baglio di Villa Nave. Nacqui in una stalla e non c’era nemmeno una finestra, nemmeno una grata a lasciare fuori luci e suoni…

 

la ballata di colton red.jpeg
il morso del cane.jpeg
senzatarì.jpeg

Gian Mario Mollar e 

Marcello Bondi: 

La ballata di Colton Red. Romanzo

Giambi Leone:

Il morso del cane. Romanzo

Gianluca Tantillo

Senzatarì e il sogno della Merica.

Romanzo

Un uomo e una donna. Due destini che s'incrociano in uno spazio tempo delimitato da una concatenazione di eventi apparentemente caotici. Una profezia divenuta ossessione…

È un giorno come tanti al Sunrise Rench. Terra rossa fusa all'orizzonte con il cielo turchese. Uomini e cavalli che sudano sotto il caldo occhio del sole. Oggi è proprio come ieri e domani

Trabia, a pochi chilometri da Palermo, si affaccia sul mare. È il paese degli spaghetti, della pesca dei tonni e delle nespole. Qui hanno sempre vissuto gli Schiera, conosciuti con la ‘nciuria di Senzatarì…

cosa vuoi sentirmi dire.jpeg
il bar delle voci rubate.jpeg
nella terra del sole che sboccia.jpeg

Ivan Ficano: 

Cosa vuoi sentirmi dire. Romanzo

Remo Bassini: 

Il bar delle voci rubate. Romanzo

"lI bar è come un cinema, solo che il film è a sorpresa. E anche quando non c'è nulla, resta comunque l'atmosfera dell'attesa: qualcosa, da un momento all'altro, può sempre capitare". 

Giocare con le parole può essere pericoloso, come scherzare con il fuoco. Gigi e Chiara lo scoprono a spese loro, quando oramai il gioco si è spinto troppo avanti. Quel gioco che ha inventato Gigi, quello di chattare con gli sconosciuti spacciandosi per qualcun altro, rischia di portarlo alla rovina. 

Marco Gregò: 

Nella terra del sole che sboccia. Romanzo

"Nella terra del sole che sboccia" è una moderna opera ironica e amara, scritta in una struttura atipica che alterna le narrazioni dei personaggi in differenti stili narrativi molto vicini al linguaggio sia odierno che classico, dalle chat alle pagine di diario.
Ma soprattutto, è la storia di Albatro e Julie, che si inseguono nei labirinti delle loro incomprensioni…

breve storia di rosita e kaplan.jpeg
la grande meretrice.jpeg

Max Deliso: 

Breve storia di Rosita e Kaplan. Romanzo

radice di un fluire1.jpeg

Vincenzo Ieracitano

La grande meretrice. Romanzo

Kaplan fa la controfigura nei film porno, Rosita la pusher nelle case di riposo, si innamorano al primo sguardo e decidono di pianificare la loro vita assieme, continuando a svolgere le loro attività grottesche in maniera pacatamente seria circondati da personaggi inquietanti e pittoreschi.

Geraci è un ex ispettore di polizia le cui contraddizioni insanabili sono lo specchio di Palermo, città in cui vive e in cui si sviluppa una vicenda n'turciuniata, sporca e bellissima come i suoi vicoli pieni di storia, di disperazione e di speranza.

Giambi Leone:

Radice di un fluire. Racconti

Tre stagioni, quarantuno racconti, uno specchio su cui riflettersi, il sali e scendi da una macchina del tempo per rivivere, sniffare, odorare, sentire sulla pelle e nell’anima, umori relegati nei meandri dell’oblio.